Micologi a Campocarlomagno 2019 Stampa
Scritto da Redazione   

GITA MICOLOGICA A CAMPO CARLOMAGNO – MADONNA DI CAMPIGLIO

Giovedì 26 settembre

Questa escursione come da programma era prevista in val di Sole o in Val di Rabbi .

Il giorno prima però abbiamo ricevuto un´ informazione sul luogo prescelto direttamente da parte del locale gruppo micologico, il quale ci metteva purtroppo al corrente che nella zona inizialmente scelta non c´era praticamente presenza di miceti.

Per contro c´indicava che nella zona di Campo Carlomagno si stava vedendo proprio in quei giorni una importante “buttata” di porcini.

Come si può immaginare, il “problema”, pur trattandosi d´una gita in pullman ed anche per la natura precipua della gita stessa, ci ha fatto valutare e soppesare questo importante aspetto (anche in funzione della preparazione della mostra micologica che si doveva tenere un paio di giorni più tardi) per cui abbiamo seguito i consigli degli amici di Val di Sole fermandoci a Campo Carlomagno.

 


Appena arrivati, i 27 partecipanti hanno iniziato subito con la ricerca. Purtroppo, vuoi per la conformita´del suolo/bosco  che per i danni della perturbazione VAIA di fine ottobre ‘18 risulta tuttora molto danneggiato e difficilmente praticabile, vuoi perche´ la buttata dei porcini era verosimilmente gia´ terminata (almeno nella zona ns. di ricerca), di boleti ne sono stati trovati relativamente pochi. In compenso però ognuno ha potuto alla fine riempire comunque il cestino con l´altra molteplicita´ di funghi misti raccolti fra cui si possono annoverare principalmente: finferle, funghi del sangue, mazze di tamburo ed altri buoni commestibili.

 


Terminata la raccolta antimeridiana abbiamo pranzato, chi al sacco chi nel vicino rifugio Genzianella.

Considerato il perdurare della bella giornata e per chi lo desiderava, e´stato concordato di estendere la raccolta sino al pomeriggio verso le ore 16.00. Questa opportunita´ ha permesso di rimpinguare ulteriormente i cestini. Altri invece si sono prodigati ad impacchettare in fogli di alluminio alcuni esemplari di funghi in modo tale che si potessero conservare sino alla mostra, che avremmo poi organizzato il fine settimana stesso, rilevando che gli esemplari raccolti e separati per specie erano più di un centinaio.

Verso le ore 18.30 siamo riapprodati nella ns.Busa, portati i funghi della mostra in sede in attesa della loro determinazione e ritornati a casa.

ITALO