Immagine casuale 2017

Immagine casuale 2016

Immagine casuale 2015

Immagine casuale 2014

Immagine casuale 2013

Immagine casuale 2012

Immagine casuale 2011

Immagine casuale 2010



Designed by:

Escursione micologica e pranzo sociale a passo Durone 2016
Scritto da Redazione   

ESCURSIONE MICOLOGICA E PRANZO di chiusura stagione al Passo del Durone.

Domenica 09 dicembre

Dopo un´annata avarissima di miceti, si sperava in chiusura di poter raccogliere almeno qualche fungo.

La giornata molto uggiosa ha fatto si che al mattino in sede si ritrovasse solamente uno sparuto numero di eroi che non s´erano lasciati spaventare dal brutto tempo.

Purtroppo però il loro coraggio non e´stato premiato e di funghi nemmeno l´ombra se si esclude solo un unico porcino e qualche altro fungo "disperso", confermando cosi anche in chiusura stagionale un anno "horribilis" sotto questo aspetto, tant´è che non è stato nemmeno necessario procedere alla solita determinazione del raccolto.

Nel frattempo con l´avvicinarsi dell´ora di pranzo anche tutti gli altri soci che si erano prenotati per il pranzo, ben 44 in tutto !!, sono arrivati al rifugio, chi in compagnia chi per conto proprio.

Nel locale, molto accogliente, avevamo a disposizione 4 tavolate ben disposte e cosi dopo i convenevoli verso le 12.30 abbiamo potuto dare il via al pranzo.

Abbiamo iniziato con dei buoni crostini a base di radicchio dell´orso accompagnati da qualche profumata fettina di salame nostrano. Il tutto senza esagerare poichè il programma prevedeva a seguire un abbondante "piatto unico" della casa con svariati prodotti quali:

polenta di storo "biota" - la stessa polenta con formaggio fuso - spezzatino di cervo (eccezionale e speziato ad arte) - crauti con cotechino - funghi trifolati e peveraa, il tutto accompagnato da un buon vino. Per concludere e prima del caffè e digestivi abbiamo potuto assaggiare anche la torta di carote.

Tutti quanti sono rimasti contenti sia della scelta che servizio reso, ma in special modo anche della quantità e qualità del cibo servito oltretutto ad un più che ragionevole prezzo.

Durante il pranzo il direttivo ha dato le ultime indicazioni e/o informazioni dell´attività prevista nei prossimi mesi invernali ed ha anche potuto consegnare una targa a ricordo per i suoi 40 anni di appartenenza al gruppo al nostro socio Campani Renzo.

Dopo aver ringraziato la proprietaria con collaboratori il convivio si è sciolto con la soddisfazione di tutti d´aver passato ancora una volta una bella giornata assieme e con spirito "fungaiolo", anche se con cestini vuoti, ma in compenso sul tavolo non erano mancati quelli trifolati anch´essi molto buoni ed abbondanti.

Italo Miorelli

 
Escursione Micologica a Lavazè 2016
Scritto da Redazione   

ESCURSIONE MICOLOGICA  al LAVAZE’
21 settembre 2016

Le premesse per questa escursione non erano certo delle migliori. Se da un parte le previsioni del tempo dei giorni precedenti segnalavano pioggia e temporali, dall’altra, la notizia che - causa problemi alla viabilità - la meta non sarebbe stata più Bellamonte ma passo Lavazè ci lasciava non poche perplessità. In taluni casi, però, i repentini cambi di programma non possono che generare piacevoli sorprese.
Partiamo, dunque, per Lavazè! Dopo una breve sosta ad Arco e Trento per caricare gli ultimi escursionisti, ci fermiamo in montagna per un break e poco dopo ripartiamo per la nostra meta.
Arrivati al parcheggio, presi cesti e bastoni, ci inoltriamo finalmente tra le pinete della zona.

Il tempo rimane bello nonostante le premesse e nel bosco si trovano svariate qualità di funghi.
Una parte del gruppo, poco dopo mezzogiorno, si ferma a pranzare al ristorante mentre gli altri rimangono nel bosco e continuano la ricerca.
Al ritorno di tutti gli escursionisti, all’esterno del ristorante, si inizia l’esame dei funghi raccolti durante la mattinata e il risultato è veramente sorprendente. Fortunatamente sono state trovate così tante varietà da rendere possibile l’esposizione dei miceti per la mostra micologica che si terrà a Riva del Garda il 24 e 25 settembre.

Dopo il controllo dei funghi abbiamo lasciato Lavazè e, nel ritorno, abbiamo fatta un’altra proficua tappa nelle vicinanze di Stava. Lasciato il pullman in una piazzola di sosta, abbiamo camminato e per un paio d’ore abbiamo continuato la ricerca dei funghi. Il risultato è stata un’ottima raccolta di finferle che, come chiusura dell’escursione, non è di certo male.
Alle 17.00 siamo ripartiti per Riva del Garda dove stanchi, ma contenti per la giornata trascorsa, siamo arrivati alle 19.00.

Maurizio Orlando

 
la malghe di Saltusio in val Passiria 2016
Scritto da Redazione   

VAL PASSIRIA - LE MALGHE DI SALTUSIO SUL MONTE HIRZER
Giovedì 18 agosto 2016

Siamo partiti di buon mattino in direzione di Saltusio che si trova a 490 m s.l.m. ed è la località più meridionale della Val Passiria, dove, scesi dal pullman, abbiamo raggiunto la funivia Hirzer che si divide in 2 tronchi. Il primo tronco porta a Prenn ad una altezza di 1404 m s.l.m. ed il secondo porta a Klammeben a 1980 m s.l.m. dove la vista spazia a 360° sul gruppo di Tessa e sulle cime che la circondano.

Da qui si possono seguire i vari sentieri che la natura offre; noi abbiamo iniziato la nostra camminata in direzione Hirzerhuette  situata a pochi di metri della malga Tallner a 1983 m s.l.m. dove, con nostra grande sorpresa, abbiamo trovato un allevamento di Lama e Alpaca; di obbligo le foto all’unico e bellissimo esemplare di queste specie che era sveglio e pascolava a quell’ora e alle rustiche abitazioni in legno tipiche della zona.

A questo punto abbiamo continuato col giro delle malghe, passando per la malga Ressenger, la malga Hintereggalm e raggiungendo dopo circa un’ora la malga Mahdalm a 1991 m s.l.m. Qui ci siamo divisi: un gruppo ha deciso di non proseguire con la salita programmata e quindi di pranzare lì, mentre con altri coraggiosi partecipanti, abbiamo affrontato la ripida salita verso la conca alpestre Rotmoos a 2250 m s.l.m. situata sotto la cima di Pegno. Anche se la salita ha messo a dura prova la nostra resistenza fisica, possiamo garantire che ne è valsa la pena per la stupenda vista panoramica che ci siamo meritatamente goduti: il Ghiacciao di Stubai, il gruppo di Tessa e le alpi dell’Oetztal. Dopo una piccola pausa, si è preso il sentiero di ritorno per raggiungere la piccola malga Tallner Alm Kaser a 2.022 m s.l.m. dove abbiamo deciso di fermarci a pranzo.

Alla fine del necessario ristoro, ci siamo diretti al Rifugio Hirzerhuette dove il resto del gruppo ci aspettava ed abbiamo avuto l’opportunità di ammirare altri esemplari di Lama e Alpaca che nel frattempo erano fuori a pascolare. Ci siamo trattenuti ancora a conversare della meravigliosa vista che offre questo luogo, degustando dolce e grappa in ottima compagnia. Arrivata l'ora stabilita, ci siamo incamminanti verso la stazione Klammeben per scendere con le funivie e raggiungere il pullman. Per finire abbiamo fatto un piccolo giro per Saltusio arricchendo questa gita con la storia vedendo il maso dello scudo Salthaus (Schilhof Salthaus) che è uno del più antichi “Schilhoefe” della Val Passiria. Così un poco stanchi ma contenti e soddisfatti abbiamo fatto ritorno a casa.

Francys, Massimiliano e Naomi

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 39