Immagine casuale 2017

Immagine casuale 2016

Immagine casuale 2015

Immagine casuale 2014

Immagine casuale 2013

Immagine casuale 2012

Immagine casuale 2011

Immagine casuale 2010



Designed by:

Parco Paneveggio 2015
Scritto da Redazione   

Escursione micologica e naturalistica al Parco di Paneveggio
Mercoledì 9 settembre 2015

All'inizio dell'estate il C. D. aveva deciso le località dove effettuare le gite micologiche in programma e si era pensato di effettuarne una al Parco Naturale di Paneveggio, dove è possibile, da non molto tempo, la raccolta dei funghi. Abbiamo contattato Elsa Danzi, responsabile del Gruppo Micologico Scopoli di Cavalese, che si è subito detta disponibile ad accompagnarci nell'uscita. Si è pensato inoltre di aprire la gita anche ai non raccoglitori di funghi, organizzando una visita guidata nella "Foresta dei violini" lungo il sentiero Marciò del Parco.

alt


Partiti di buonora da Riva per la val di Fassa, a Predazzo abbiamo preso la strada che porta a passo Rolle e passato Paneveggio, abbiamo raggiunto il Centro Visitatori dove ci attendevano Elsa e la guida del Parco. Il folto gruppo si è diviso ed ognuno è partito per la propria escursione Il gruppo dei "fungaioli", accompagnato da Elsa, ha battuto la zona ovest del parco; le richieste di identificazione dei funghi sono state numerose e la nostra accompagnatrice ha sempre pazientemente risposto, completando l'identificazione dei funghi con spiegazioni approfondite e utili per future raccolte.

         alt        alt


Ci siamo ritrovati verso mezzogiorno e ci siamo diretti, dopo un breve tragitto in bus, alla Malga Venegia che abbiamo raggiunto in circa mezz'ora di cammino percorrendo un facile sentiero tra i boschi. Il panorama che ci si presenta è semplicemente meraviglioso: le tre cime di Lavaredo si stagliano di fronte a noi e sembrano a portata di mano: questa immagine vale da sola la partecipazione alla gita.
Dopo un gradevole pranzo in malga, c'è stato il controllo del raccolto da parte di Elsa e di Roberto.

 

         alt        alt


Poche "brise" e finferli, abbondanti "chiodini", "finferle", russule e altre specie commestibili. Molte le domande su miceti che dalle nostre parti sono molto rari e necessitavano pertanto di un approfondimento micologico per poterle in futuro riconoscere senza dubbi.

 

        alt       alt


Sulla strada del ritorno ci siamo fermati a Predazzo per una visita al Museo Geologico delle Dolomiti recentemente ampliato e ristrutturato. Siamo giunti a Riva un po' più tardi del solito, ma contenti per l'intensa ed interessante giornata trascorsa.

Orazio

 

 

La giornata di mercoledì 9 settembre 2015, dedicata alla visita del Parco di Paneveggio (1524 m.), è stata caratterizzata da un’inaspettata aria “frizzantina” che, dopo il grande caldo di luglio, ha fatto solo piacere. Arrivati al Centro Visitatori del parco demaniale con il pullman, si è deciso di fare due gruppi: uno che andasse appresso alla guida del parco e un altro che fosse libero di andare a raccogliere funghi.Ho subito aderito a far parte del primo gruppo perché volevo avere più informazioni possibili sulle caratteristiche di questo prestigioso parco. La guida (rivelatasi molto in gamba, appassionata ed esperta nella materia della flora e fauna, soprattutto locale) ha iniziato a narrare la storia del parco.Poco dopo l’inizio della passeggiata ci siamo trovati in un grande piazzale dove erano accatastati moltissimi tronchi di abete rosso secondo un certo ordine di qualità degli stessi.L’illustrazione della guida ha subito “catturato” l’interesse del gruppo e, ogni tanto, era costretta a interrompere le sue spiegazioni per dare risposte soprattutto sul come vengano individuati i tronchi, per la particolare “risonanza”, che servono al lavoro di liuteria. Molte notizie riguardo alla “foresta dei violini” già le conoscevo, ma non nascondo di aver provato comunque una certa emozione nel ricordare che il famoso liutaio Stradivari quattrocento anni fa venisse al parco di Paneveggio a scegliere il legno per costruire i migliori violini del mondo, a detta dei più qualificati studiosi del settore.Fra le risposte date dalla guida c’è stata quella principale che l’abete rosso di Paneveggio, chiamato anche “abete della musica”, ha una risonanza ottimale naturale per la costruzione degli strumenti musicali. Ma la cosa ancora più eccezionale è stata quella di sapere che fra gli abeti rossi, che sono la maggioranza del parco, solo uno su cento risuona nel modo corretto per farne violini e altri strumenti che utilizzano la cassa di risonanza.Un accenno l’ha fatto anche sui pregi di questo legno che date le caratteristiche particolari, è stato ricercatissimo anche dagli ingegneri navali di Venezia per la costruzione delle imbarcazioni dei Dogi.Abbiamo ripreso il percorso del sentiero “Marciò” e dopo un po’ ci siamo fermati ad ascoltare le informazioni che la guida dava vicino a diversi “licheni” che erano proprio ai lati del sentiero. Ne esistono di varie specie in funzione del substrato su cui crescono, della luce e dell’umidità.Mentre camminavo e ascoltavo, diverse cose colpivano la mia attenzione e cioè gli alti fusti degli alberi che, oltre agli abeti rossi e bianchi, faggi ecc., per la maggior parte hanno un’età intorno ai cento anni.Inoltre tra di loro ce ne sono ancora diversi che raggiungono i 40 metri di altezza. Ci siamo fermati a vedere i grossi fori di alcuni tronchi fatti dal picchio “imperiale” e le scortecciature di alcuni alberi causate dallo sfrigolio dei cervi (e mi sembra anche dei caprioli), per liberarsi dalla peluria che ricopre la crescita delle nuove corna.Nella penultima parte del percorso abbiamo attraversato il torrente Travignolo su di uno spettacolare ponte sospeso che, con il suo dondolio, ha creato qualche emozione alla vista del sottostante corso d’acqua.Prima di chiudere il tratto ad anello (mi sembra di circa due chilometri), abbiamo percorso un bel tratto esterno dell’area faunistica del cervo che ospita, in condizioni seminaturali, un certo numero di questi magnifici ungulati. Ci siamo fermati per fare molte fotografie, dal momento che non capita tutti i giorni di vederli da vicino. Dopo di ché siamo rientrati al punto di partenza, molto soddisfatti del percorso effettuato.Il risultato finale è che avrei voluto tenere in memoria tutte le informazioni che la guardia del parco ci ha dato ma, visto il numero di neuroni che mi sono rimasti, mi devo accontentare delle foto che ho scattato e degli appunti mnemonici riguardanti questo percorso che definirei anche didattico.

Giorgio Italiano

 
Escursione micologica a Vezzena 2015
Scritto da Redazione   

ESCURSIONE MICOLOGICA A PASSO VEZZENA
Mercoledì 26 agosto 2015

E' stata riproposta la gita di qualche anno fa alla Malga Millegrobbe, sull'Altipiano di Lavarone, nota per la gara di fondo a 2 tappe di Km. 30, a tecnica classica.
La giornata bella, il cielo terso e limpido ed una temperatura mite, sono stati gli ingredienti di una bella gita , ed alcuni, poco interessati alla raccolta di funghi, hanno preferito, arrivati a Luserna, fare un percorso alternativo e arrivare alla Malga, percorrendo un sentiero tra i boschi. Purtroppo, all'arrivo, il gestore della malga riferiva che dei funghi non se ne avevano notizie, ma, come sempre, essendo la speranza l'ultima a morire, ci si inoltrava nei boschi circostanti e, qualche sporadico esemplare è stato trovato, sufficiente per un buon misto.

 

         alt     alt

 

In quattro ardimentosi, nel girovagare, ci siamo spinti oltre il margine del bosco sino ad arrivare ad una postazione militare, retaggio della prima guerra mondiale, seminascosta dalla vegetazione, dove abbondavano macchie di finferli; dopo la raccolta, abbiamo avuto difficoltà a ritrovare il sentiero di partenza, sia per la fitta boscaglia e sia per la mancanza di segnalazioni. Siamo comunque arrivati alla malga in tempo per pranzare con gli altri.
Come al solito, Roberto ha provveduto al controllo del raccolto e, come sempre c'è qualcosa da imparare ogni volta dalle sue spiegazioni.
Nel pomeriggio, visto che alcuni soci la volta scorsa non erano presenti, siamo ritornati in località Laghetto, dove si erge il più vecchio ( 250 anni) e il più alto ( m.54) abete bianco del Trentino.

 

       alt     alt


Sulla strada del ritorno, sosta obbligata al Caseificio di Cappella, dove la commessa, gentilmente, ha offerto assaggi dei vari formaggi di loro produzione, indicandone le caratteristiche e, quasi tutti, dopo la degustazione, hanno acquistato alcuni prodotti locali.
Il rientro, con la guida esperta del nostro autista preferito, Marco, ha concluso come al solito, la gita in bellezza e serenità.
                                                                              Ilda

 
Escursione micologica Val di Rabbi 2015
Scritto da Redazione   

ESCURSIONE IN VAL DI RABBI
Giovedì 24 settembre 2015

Quest'anno, approfittando della conoscenza di altri gruppi micologici trentini appartenenti alla Federazione, siamo andati alla scoperta di nuove zone per la raccolta di miceti. Stavolta siamo in viaggio per la Val di Rabbi dove, a S. Bernardo, ci aspetta Sergio Guerri, responsabile del gruppo Micologico della Val di Sole: un toscano simpatico, tranquillo e disponibile.
Con il pullman superiamo le Fonti, ci attrezziamo di scarponi, cesti e bastoncini e, dopo aver ascoltato i consigli e le indicazioni di Sergio, un piccolo gruppo ci lascia per un escursione naturalistica, tutti gli altri si portano nella zona indicata per la raccolta e si sparpagliano nei boschi. Il gruppo così si divide e devo dire che, avendo il compito di raccogliere funghi per la mostra, era un piacere vedere e cogliere qualche esemplare della ricca varietà che c'era nel bosco, senza paura di mettere nel cesto funghi tossici e velenosi, che comunque vengono avvolti nella carta argentata per ben conservarli e non contaminare gli altri commestibili. Ci siamo poi ritrovati tutti alla Malga Fratte (m.1490), dove Sergio ci aveva fatto preparare un ottimo pranzo.

 

     alt   alt

 

Svuotati i cesti su di un lungo tavolaccio, l'esperto ci ha tenuto una interessante lezione micologica, passando una per una le specie raccolte ed illustrandone le caratteristiche principali. Al termine alcuni hanno acquistato del "casolet", formaggio fatto in malga e caratteristico della zona.

 

    alt       alt


Messi in sicurezza gli esemplari per la mostra, con i nostri cesti contenenti dei succulenti funghi da misto, con una notevole quantità di finferli, siamo tornati al pullman attraverso il sentiero delle "Segherie Veneziane", così chiamate per il modello usato in valle, ma importato da Venezia.

 

alt

 

La lavorazione del legno è stata una delle risorse degli abitanti per lungo tempo. Arrivati a S. Bernardo abbiamo salutato e ringraziato la nostra guida e sulla via del ritorno ci siamo fermati per una sosta per acquistare le mele della val di Non, appena raccolte e ancora nei cassoni.
Qualche parola sulla valle che ci ha ospitato: la valle ha una conformazione a V con i fianchi ripidi per erosione fluviale, boscosi e sassosi. Sul fondovalle si trovano conoidi alluvionali e canaloni di valanghe, testimonianze dell'antico e recente lavoro del tempo. E' percorsa dal torrente Rabbies il cui nome deriva dal suo carattere impetuoso.
La valle è parallela, per orientamento, alla Val di Peio, separata da una catena di monti, Cima Rossa, ecc., confinando anch'essa con la Val d'Ultimo e la Val Martello, inserendosi nel Parco Nazionale dello Stelvio.
Nell'800 Rabbi era diventata una ridente stazione termale, frequentata da ricchi personaggi,
Tutt'oggi la valle è rimasta abbastanza naturale, con piccoli insediamenti, poche ricezioni alberghiere e architettura tipica. Data la sua forte umidità, è da sempre considerata una zona ricca di funghi.

                                                                    Marinella

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 41